La parola ludopatia è molto diffusa: in pochi forse sanno veramente riconoscerla, ma chi ne è affetto conosce le ben note e distinguibili conseguenze.

La ludopatia, o anche gioco d’azzardo, è la dipendenza patologica dai giochi elettronici o appunto d’azzardo. Avete letto bene, dipendenza patologica o anche gioco-dipendenza.

Perché il gioco di per sé è sano e divertente, ma chi è affetto da ludopatia racconta di una patologia ossessiva tutt’altro che “giocosa” e di un tunnel negativo dal quale non riesce a uscire, per lo meno con le sole proprie forze.

Soprattutto per i risvolti psicologici e sociali che ne conseguono. Ludopatia e disagi conseguenti, sono questi gli argomenti cui vogliamo dedicare il seguente approfondimento.

 

SOMMARIO:

Riconoscere e affrontare la ludopatia per uscirne più forti di prima

Il primo passo è chiamarla col suo nome: la ludopatia è una malattia a tutti gli effetti

Una sola parola, tanti effetti su mente, corpo e qualità della vita

Trattare la ludopatia con strumenti adeguati: i percorsi psicoterapeutici personalizzati

 

Il primo passo è chiamarla col suo nome: la ludopatia è una malattia a tutti gli effetti

Che si tratti di gioco, è chiaro a tutti. Ed è forse per questo motivo che la ludopatia tende a essere sottovalutata, perché dopotutto del gioco si pensa sempre che sia sano e divertente. Eppure esiste una sottilissima linea di confine che, se superata, lo trasforma in un tunnel distruttivo di dipendenza.

Così grave da compromettere la qualità della vita che si conduce, inibendo le funzioni quotidiane, privando le persone di interesse per la vita stessa e annichilendole dal punto di vista etico e morale. La ludopatia è subdola, proprio così. Si nasconde dietro ogni gioco e passatempo da svolgere online.

Fa emergere quel bisogno psicologico, per certi versi anche fisico, di essere costantemente collegati a internet per giocare, tanto alle slot machine quanto a qualsiasi altro tipo di intrattenimento virtuale, come fosse una questione di vitale importanza.

È quindi una patologia? La risposta è sì e chi soffre di questo disturbo non riesce a resistere al desiderio di cimentarsi in giochi dove si pensa di guadagnare molto, mentre in realtà non riesce a rendersi conto del rischio della perdita.

La trappola che la ludopatia tende, soprattutto per i giovani adulti che si approcciano per la prima volta al mondo dei casinò e delle scommesse online e non sanno quale sia il miglior tipo di comportamento da adottare, è proprio quella della dipendenza mascherata dalla sensazione di eccitazione e piacere.

Una sola parola, tanti effetti su mente, corpo e qualità della vita

Trattandosi di una malattia, la ludopatia causa delle conseguenze: una serie di effetti collaterali, più o meno uguali a quelli che si possono riscontrare nei soggetti affetti da qualsiasi altro tipo di dipendenza seria, che se presenti dovrebbero far scattare un campanello d’allarme.

I sintomi e le conseguenze per chi entra in questa funesta rete di autodistruzione sono tanti e diversi tra loro ma tutti devastanti. Qui riassumiamo quelli forse più diffusi:

·       Essere bugiardi e imbrogliare.

Chi è affetto da ludopatia è portato, a volte anche inconsapevolmente, a mentire. Lo fa con sé stesso, negando di avere un problema, lo fa anche con familiari e amici con cui si rifiuta di confidarsi ma ai quali si appoggia per le continue richieste di soldi in prestito.

·       Crisi di coppia.

Inutile negare che non accada. Certo, esistono anche i partner comprensivi che si battono per “salvare” l’altro dalla patologia. Ma esistono anche quei partner che, di fronte a tante menzogne, a problemi reiterati o anche di fronte a un partner ostinato che non vuole riconoscere la presenza del disturbo, sentono di non avere le forze e gli strumenti per affrontare questa difficile situazione.

·       Problemi al lavoro.

Anche questa è una conseguenza diretta e innegabile perché, in chi è affetto da ludopatia, la concentrazione e la produttività peggioreranno drasticamente.

Trattare la ludopatia con strumenti adeguati: i percorsi psicoterapeutici personalizzati

La ludopatia è una dipendenza ossessiva e distruttiva, lo abbiamo già detto. Pertanto va trattata come tale. Analogamente a tutte le altre dipendenze, è spesso provocata dal bisogno di evadere dalle problematiche reali come problemi familiari o sul lavoro o ancora nelle relazioni di coppia.

Per fortuna può essere trattata: non da soli o con strumenti di fortuna, ma con consulti psicoterapeutici personalizzati. È questa la strada migliore da intraprendere e seguire per:

  • far prendere consapevolezza al giocatore di avere un problema
  • comprendere l’origine della dipendenza
  • affrontare la malattia e superarla

Sappiamo che detta così può sembrare facile, e non è certamente nostra intenzione sminuire la gravità del problema né tantomeno l’importanza della psicoterapia.

Superare la dipendenza non è semplice, ma è possibile con l’aiuto di uno specialista e con il sostegno di parenti e amici. Spesso la guarigione richiede un percorso piuttosto lungo, ma il primo e più importante passo consiste proprio nel riconoscere la presenza del problema.