I 10 comportamenti di prevenzione contro la diffusione del Coronavirus li conosciamo oramai tutti:

  1. Lavati spesso le mani per almeno 20 secondi, utilizzando acqua e sapone o un disinfettante per mani a base di alcol
  2. Evita contatti ravvicinati con persone affette da infezioni respiratorie acute
  3. Non toccarti occhi, naso, bocca
  4. Copri naso e bocca, soprattutto in caso di starnuti o colpi di tosse
  5. Non assumere farmaci antivirali o antibiotici, salvo prescrizione medica
  6. Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
  7. Usa la mascherina se sospetti di essere malato o assisti persone malate
  8. I prodotti Made in China o provenienti dalla Cina non sono pericolosi
  9. Gli animali domestici da compagnia non trasmettono il virus
  10. In caso di dubbi sintomi non recarti al pronto soccorso, piuttosto chiama il numero verde regionale 800.89.45.45 oppure il numero di utilità pubblica 1500 attivato dal Ministero della Salute

Ma cos’altro possiamo fare, nel nostro piccolo, per contrastare la diffusione del virus? Sicuramente possiamo dedicare più attenzione alla pulizia degli ambienti in cui viviamo: l’accurata disinfezione delle superfici di casa e uffici è la prima regola per ridurre in modo consistente la possibilità di contagio. Vediamo allora insieme cosa fare e quali prodotti utilizzare.

 

Sommario:

Pulire le superfici di casa e ufficio per contrastare il Coronavirus: cosa fare e quali prodotti utilizzare

4 buone norme da adottare per pulire in sicurezza

La pulizia delle superfici, dalle scrivanie ai pavimenti: consigli e azioni pratiche

 

 

4 buone norme da adottare per pulire in sicurezza

Prima di entrare nel merito delle operazioni di pulizia, vogliamo condividere 4 suggerimenti per eseguire le pulizie in totale sicurezza:

  • usare i guanti per proteggere la pelle
  • evitare schizzi o spruzzi
  • arieggiare gli ambienti, sia durante che dopo
  • conservare prodotti e disinfettanti in un luogo sicuro, fuori dalla portata dei bambini e degli animali domestici

 

La pulizia delle superfici, dalle scrivanie ai pavimenti: consigli e azioni pratiche

Pulire gli ambienti è una pratica igienica sempre importante, ancor di più in questo periodo. Ma come disinfettare le svariate superfici con cui entriamo in contatto come tavoli, scrivanie, maniglie di porte o finestre, pavimenti? O ancora dispositivi elettronici come PC, cellulari, Tablet? Di seguito vi forniamo alcuni suggerimenti pratici da attuare fin da subito.

Disinfettare superfici e pavimenti: ecco cosa fare

Per la pulizia delle superfici, che si tratti di tavoli e scrivanie o di pavimenti, è possibile ricorrere a prodotti per uso domestico, di facile reperibilità e costo contenuto, come Napisan, Lysoform, Amuchina e così via. In aggiunta, si possono utilizzare altre 2 categorie di disinfettanti:

  1. a base alcolica, con percentuale di alcol al 75%
  2. a base di cloro, come la comune candeggina o varechina

In entrambi i casi, è fondamentale lavare preventivamente la superficie con acqua e sapone per rimuovere lo sporco, condizione che altrimenti andrebbe a vanificare la capacità antibatterica del disinfettante stesso.

In riferimento ai disinfettanti a base di cloro, il Ministero della Salute ha reso noto che la percentuale di cloro attivo in grado di eliminare il virus senza provocare irritazioni dell’apparato respiratorio è pari allo 0,1%.

Tuttavia, sappiamo anche che la candeggina si trova in commercio al 5-10% di contenuto di cloro. Per ottenere quindi la percentuale consigliata, è importante leggere bene l’etichetta del prodotto così da stabilire come diluirlo in acqua nella giusta misura.

Facciamo un esempio. Supponiamo di avere a disposizione un prodotto con cloro al 5%. Per ottenere la raccomandata percentuale di 0,1% di cloro attivo possiamo procedere diluendo:

  • 100 ml di prodotto in 4,9 litri di acqua
  • 50 ml di prodotto in 2,4 litri di acqua

La pulizia dei servizi igienici: gabinetto, doccia, lavandini

La pulizia del bagno, al pari della cucina, è un’azione fortemente consigliata, specialmente in caso di spostamenti.

Per la pulizia dei servizi igienici, il Ministero della Salute suggerisce l’utilizzo di una percentuale di cloro attivo pari allo 0,5%.

Come nel paragrafo precedente, facciamo un esempio pratico. Ovvero, supponiamo di avere a disposizione un prodotto con cloro al 5%. Per ottenere la giusta percentuale dello 0,5% di cloro attivo si potrà diluirlo in questo modo:

  • 1 litro di prodotto in 9 litri di acqua
  • ½ litro di prodotto in 4,5 litri di acqua
  • 100 ml di prodotto in 900 millilitri di acqua

Disinfettare cellulari, Tablet e altri dispositivi: una buona prassi da seguire

Per quanto possa suonare strano, alcuni ricercatori hanno scoperto che il virus può diffondersi anche attraverso i dispositivi tecnologici che tutti noi usiamo giornalmente: smartphone in primis ma anche Tablet e PC.

Per questo motivo molte aziende, tra cui la famosa Apple, hanno fornito suggerimenti pratici per disinfettare i propri dispositivi. In linea generale è fortemente sconsigliata la candeggina: ricordiamoci infatti che lo scopo è pulire la tecnologia e non danneggiarla in maniera permanente.

Al contrario, è sufficiente l’utilizzo di salviette imbevute di alcol etilico al 70% o di un detergente per vetri per pulire tastiere e display. Accorgimenti, questi, da utilizzare anche sui computer, sia di casa sia d’ufficio.