Il Data Breach è una violazione di sicurezza che implica la distruzione, la perdita, la modifica e la divulgazione non autorizzata dell’accesso ai dati personali.

Gli errori di comunicazione sono il punto di arrivo di uno dei nodi più critici della gestione della sicurezza: la mancanza di analisi. In mancanza di questa è impossibile disporre di una comunicazione efficace, completa e conforme alle normative vigenti.

In mancanza della capacità di analisi è più che probabile che in caso d’incidente la sua vulnerabilità sarà irrisolta in quanto non è possibile implementare una procedura corretta di sicurezza se non c’è a monte un’analisi completa.

Oltre agli errori di comunicazione e di analisi esistono e persistono altri nodi critici che coinvolgono molte organizzazioni e che devono essere risolti per poter disporre di un Data Breach efficace.

Quali sono i nodi critici?

Gli elementi individuati sono principalmente 3.

  1. Adeguatezza delle capacità per rilevare e analizzare eventi e anomalie
  2. Assegnazione di ruoli, flussi informativi e responsabilità,
  3. Approccio di gestione del management.

Eventi e anomalie

Il primo nodo critico che riguarda eventi e anomalie è il primo sintomo di un data breach. In caso di emergenza è necessario possedere la capacità adeguata di rilevare il problema e intervenire tempestivamente. L’intervento immediato può bloccare la tentata violazione ed evitare situazioni ancora più gravi connesse.

Se non si ha la capacità di rilevazione e intervento ne consegue un’incapacità di analizzare l’emergenza e comunicarla agli interessati.

L’utilizzo delle misure tecnologiche dev’essere equiparato all’usabilità degli output e all’avanguardia in modo che possa essere anche in linea con il parametro di sicurezza predisposto dal GDPR. Per questo motivo è necessario che ogni operatore frequenti dei corsi di formazione per lo svolgimento dei monitoraggi di sicurezza.

Flussi informativi e responsabilità

Il secondo nodo critico individuato riguarda i flussi informativi. I soggetti scelti hanno la responsabilità d’implementare la tempestività e la completezza dei report in modo che la notifica di controllo possa essere inviata entro le 72 ore prescritte dalla normativa del GDPR. In questo modo, in fase di emergenza si può ottenere una reazione efficace.

Governance Approach – approccio di gestione del management

L’ultimo nodo critico rilevato è il governance approach che rappresenta il centro decisionale da cui deriva l’output del processo di gestione della violazione dei dati personali, in modo che siano possibili anche eventuali segnalazioni alle autorità di controllo e comunicazione con le parti interessate.

L’insensibilità del management ai temi della sicurezza delle informazioni e della protezione dei dati porta solo all’incapacità di fare scelte basate sulle lezioni apprese e soprattutto di rispettare gli obblighi imposti dalla legge.

La tematica della privacy e della gestione della stessa rientra nell’ambito della sicurezza aziendale e noi di SQ Più siamo degli esperti nel settore. Da anni supportiamo le aziende in questo processo. Il nostro obiettivo è rendere la vostra realtà aziendale un ambiente sereno e sicuro. Conoscenza approfondita e competenza sono il frutto di anni di esperienza e di costante aggiornamento per fornirvi il supporto necessario.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o hai bisogno di una consulenza, contattaci o vieni a trovarci nella nostra sede a Milano