Gli apparecchi di sollevamento sono delle macchine che servono a sollevare e spostare i carichi sospesi tramite ganci o altri organi di presa. Spesso, lavorare con attrezzature di sollevamento può comportare seri pericoli e gravi infortuni, i quali possono derivare da un utilizzo sbagliato degli stessi. Dunque, per poter rendere sicuro il lavoro devono essere adottate le opportune misure di sicurezza.

All’interno dell’articolo saranno presentate le norme e i comportamenti sicuri per l’utilizzo delle attrezzature di sollevamento per la sicurezza sul lavoro, in particolare, si andranno ad analizzare le verifiche periodiche delle attrezzature di sollevamento per garantirne un buon funzionamento e la giusta condotta da adottare per evitare gli infortuni.

Sommario:

Quali sono i comportamenti sicuri per l’utilizzo delle attrezzature di sollevamento?

Apparecchi di sollevamento e le verifiche periodiche

Quali sono gli apparecchi di sollevamento e quali attrezzature sono soggette a controlli periodici da parte di un organismo notificato

Cosa sono gli accessori di sollevamento?

La manutenzione delle attrezzature e la sicurezza sul lavoro

SQ Più per la sicurezza sul lavoro

 

Apparecchi di sollevamento e le verifiche periodiche

 

Prima di introdurci all’interno delle normative per le verifiche periodiche è doveroso rispondere alla domanda – quali sono gli apparecchi di sollevamento?

Essi possono essere classificati in:

  • Tipo costruttivo:

 

  • Gru a torre
  • Gru a ponte
  • Gru a cavalletto
  • Gru a portale
  • Gru su autocarro
  • Autogrù
  • Gru a bandiera
  • argani e paranchi

 

  • Organo di presa:

 

  • A gancio
  • A benna
  • Con elettromagnete

 

  • Tipo di comando: 
  • Elettrico
  • Manuale
  • Idraulico

 

Sono inoltre presenti gli apparecchi di sollevamento adibiti al sollevamento in quota delle persone.

 

Le operazioni che si effettuano con i mezzi di sollevamento comportano delle attuazioni di protezione che sono indicate nell’art.71 del Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro.
Chi si interfaccia al mondo dell’edilizia, spesso, si chiede in quale caso deve essere sottoposto a verifiche periodiche un apparecchio di sollevamento di materiale e quando è obbligatoria la denuncia dei mezzi di sollevamento.

Il datore di lavoro, quando acquisisce una nuova attrezzatura, che rientra nell’allegato VII prevista dal Dlgs 81/08, deve denunciarne l’acquisto all’INAIL, inviando la documentazione per la comunicazione di messa in servizio. Inoltre, le attrezzature devono essere in possesso della dichiarazione di conformità CE e il manuale di manutenzione e di uso.

 

L’INAIL, in seguito, provvederà all’attribuzione della matricola identificativa al datore di lavoro, il quale si dovrà avvalere dello stesso INAIL per effettuare la richiesta della prima verifica sulle attrezzature. Se l’ente non provvede entro 45 giorni dalla richiesta, il datore di lavoro potrà avvalersi di soggetti pubblici o privati abilitati.

Dalla prima verifica, il datore di lavoro ha l’obbligo di richiedere la verifica periodica, che consente di accertare lo stato di conservazione ed efficienza degli apparecchi ai fini della sicurezza dei lavoratori.

 

 

Quali sono gli apparecchi di sollevamento e quali attrezzature sono soggette a controlli periodici da parte di un organismo notificato

comportamenti sicuri per l’utilizzo delle attrezzature di sollevamento

Per attrezzatura di lavoro, come si evince dal Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro, s’intende qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature e componenti necessari all’attuazione di un processo produttivo, destinato ad essere usato durante il lavoro.

Quali attrezzature sono soggette a controlli periodici da parte un organismo notificato?

 

Tra le attrezzature di lavoro sono comprese anche gli apparecchi di sollevamento che necessitano una verifica periodica.

L’importanza della stessa, è definita dall’art. 71, comma 4, del D. Lgs 81/08, in quanto hanno come scopo la verifica di:

  • Lo stato di conservazione e manutenzione dell’apparecchio;
  • Il mantenimento delle condizioni di sicurezza stabiliti dal produttore;
  • L’efficienza dei dispositivi di sicurezza e controllo.

 

Per quanto riguarda le attrezzature di sollevamento, come si evince dall’elenco sottostante, le tempistiche sono variabili:

 

  • Trimestrale:
  • Gru a bandiera;
  • Carroponte;
  • Gru a torre;
  • Gru su autocarro;
  • Autogrù
  • Gru monorotaie
  • Annuale:
  • Apparecchi di sollevamento per macchine non azionate a mano con portata superiore a 200 kg con impiego in settori quali costruzioni, siderurgico ed estrattivo. Inclusi in questa categoria anche gli apparecchi con anno di fabbricazione non antecedente ai 10 anni.
  • Ponti mobili sviluppati su casso sia azionati a mano che motorizzati
  • Scale aeree ad inclinazione variabile
  • Carrelli semoventi a braccio telescopico
  • Piattaforme di lavoro elevabili
  • Biennale:
  • Apparecchi di sollevamento con portata superiore a 200kg, non azionati a mano, di tipo fisso con anno di fabbricazione non precedente ai 10 anni.

 

Inoltre, il datore di lavoro è tenuto a adempiere anche a ciò che richiede il comma 8 sulla sicurezza delle attrezzature di lavoro. L’articolo richiede che:

  • L’attrezzatura da lavoro deve essere installata e sottoposta sia ad un controllo inziale dopo l’istallazione che prima dell’uso. Il controllo deve essere effettuato dopo ogni montaggio in modo da assicurarne una corretta installazione;
  • Le attrezzature soggette a influssi che possono dare origine a situazioni pericolose devono essere sottoposte a interventi di controllo periodici e straordinari, i quali assicurano un buono stato di conservazione ed efficienza ai fini della sicurezza delle attrezzature.

 

Cosa sono gli accessori di sollevamento?

Spesso non si è compresa la definizione di accessori di sollevamento, dunque, in questo paragrafo, andremo a vedere cosa sono gli accessori di sollevamento e a cosa servono.
Essi sono oggetti interposti tra l’apparecchio di sollevamento e il carico e non fanno parte della macchina perché sono montati sotto l’apparecchio di sollevamento.

Tutti gli accessori di sollevamento, come per le attrezzature, devono essere in possesso della dichiarazione di conformità CE e il manuale d’uso e di manutenzione. L’utilizzo di questi, non marcati CE, comporta una multa fino ai € 7.000.
Anch’essi, come riportato dall’art.71 comma 8, hanno verifica trimestrale.

 

La manutenzione delle attrezzature e la sicurezza sul lavoro

Le attrezzature di sollevamento devono essere utilizzate esclusivamente se sono in condizioni di sicurezza e la manutenzione deve avvenire secondo le indicazioni del costruttore.

La manutenzione delle attrezzature di lavoro diminuisce il rischio di incidenti e preserva le attrezzature e gli impianti, mantenendo i luoghi di lavoro in stato funzionale ed è una misura di prevenzione e protezione per la salute e la sicurezza dei lavoratori. Il datore di lavoro, infatti, deve provvedere sia a mettere a disposizione attrezzature conformi ai requisiti di sicurezza che a garantire il mantenimento delle stesse.

 

Diverse sono le tipologie di manutenzione:

  • Ispezione visiva giornaliera;
  • Ispezione ogni 3 mesi;
  • Ispezione più approfondita.

I controlli giornalieri sono effettuati dal personale interno purché sia stato adeguatamente formato.

 

Gli infortuni nel trasporto di carichi con apparecchi di sollevamento sono spesso dovuti da:

  • operatori non istruiti;
  • imbracature non adatte;
  • carichi imbarcati in maniera errata;
  • operatori che si trovano in zone pericolose;
  • uso improprio di mezzo di sollevamento;
  • mani tenute tra l’accessorio di imbracatura e il carico.

 

Per poter evitare incidenti di questo genere è opportuno formare e informare gli addetti e identificare ruoli e attribuire delle funzioni specifiche al solo personale autorizzato in merito all’uso delle attrezzature.

 

Per questi motivi bisogna adottare delle misure di prevenzione per la sicurezza sul lavoro:

  • avvertire sempre il personale che lavora vicino alla zona in cui si opera dell’inizio manovra;
  • non superare carichi di peso superiori alla portata del mezzo;
  • mai far oscillare il carico;
  • mai utilizzare due o più gru contemporaneamente per spostare lo stesso carico;
  • non eseguire con la gru più movimenti insieme.

 

Ma, soprattutto, si deve tenere conto dei bisogni umani, in quanto, l’affaticamento fisico e mentale di un operatore può causare incidenti o infortuni dettati dalla scarsa attenzione e diminuzione della concentrazione. Dunque, tra i comportamenti sicuri per l’utilizzo delle attrezzature di sollevamento, rientra anche la suddivisione del lavoro su due diversi operatori per ridurre il carico individuale di stanchezza.

SQ Più per la sicurezza sul lavoro

 

Adottare comportamenti sicuri per l’utilizzo delle attrezzature di sollevamento non è indispensabile solo per adempiere alla normativa, ma, soprattutto, per garantire efficienza dei dispositivi e sicurezza sul campo.

SQ Più ha a cuore il tema della sicurezza sul lavoro, se hai bisogno di maggiori informazioni, contattaci per una consulenza.